Il racconto della prima edizione

La 1a edizione de Le Vie dei Canti – Festival di musica e cultura di tradizione orale si è conclusa il 18 febbraio 2017 all’Auditorium San Francesco di Chiavari, ed ha avuto ottimi riscontri di pubblico, avendo proposto concerti di artisti di alta professionalità ed originalità.

La musica proposta non ha la possibilità, non essendo veicolata dai mass media, di essere ascoltata dal vivo frequentemente, e il nostro Festival ha offerto questa opportunità ad un pubblico amante del genere che è accorso numeroso.

***

Il primo appuntamento, sabato 12 novembre, ha visto la Sala Munizioniere di Palazzo Ducale gremita per la presentazione del CD antologico del Gruppo Spontaneo Trallalero “CantoRiondo”, con tanti ospiti, fans e amici a festeggiare il gruppo più rappresentativo di questo canto. Fra gli ospiti il critico musicale de Il Manifesto, Giornale della Musica e docente di Storia del Jazz Guido Festinese che così scrive:

Da un trentennio esatto la Liguria conosce uno splendido, palpitante “cerchio del canto” che scavalca il tempo: quello immaginato esattamente trent’anni fa dal Gruppo Spontaneo Trallalero.

***

Nel  secondo appuntamento, ormai diventato annuale col titoloGENOVA CANTA IL TUO CANTO“, si sono esibite le Squadre di Trallalero: A Lanterna, Canterini Valbisagno, Gruppo Spontaneo Trallalero, La Squadra. Gli amanti di questo canto unico al mondo hanno potuto ascoltare tutti i gruppi in attività. Il successo è stato decretato anche dalla mostra di fotografie delle Squadre di Bel Canto Popolare dall’archivio di Laura Parodi. La collaborazione con il CAPS ed in particolare con il Presidente Oliva ed il responsabile del settore musicale Mauro Sanguineti continua a rivelarsi positiva. Una giornata che ha dato ulteriore contributo all’obiettivo del riconoscimento da parte dell’UNESCO di bene immateriale dell’Umanità del canto a modo Trallalero.

***

Domenica 12 Febbraio ancora a Genova in una gremita Sala del Munizioniere di Palazzo Ducale il concerto del “COROU DE BERRA“ da Nizza. L’alta qualità dell’esibizione del gruppo francese ha rapito il pubblico presente. Il successo maggiore è per noi rappresentato dai tanti ringraziamenti ricevuti per avere offerto agli amanti di questo genere la possibilità di assistere ad un concerto di artisti che altrimenti non avrebbero potuto ascoltare. Sul libro dei visitatori si possono leggere numerose frasi come questa:

Grazie! Pomeriggio bellissimo, emozionante ricco di arte e cultura!

Risultati che si ottengono anche grazie al sostegno di  Enti locali come la Fondazione Palazzo Ducale che ha creduto nel nostro progetto concedendo lo spazio e il personale qualificato.

***

L’Auditorium San Francesco di Chiavari è stato il palcoscenico ideale per l’ultimo appuntamento del Festival, con l’unico gruppo rappresentante del canto a bordone ligure: i cantori della Compagnia Sacco, che hanno richiamato un pubblico particolarmente conoscitore di un genere che da questo ensemble viene portato in tutto il mondo, dal Giappone all’Australia. Un appuntamento reso possibile grazie alla collaborazione con l’Associazione O Castello e il Comune di Chiavari.

***

Un esito per noi decisamente positivo e incoraggiante per una continuazione e crescita di questo Festival che ha confermato l’esigenza, attraverso la quantità di richieste, di proporre, ascoltare e condividere ciò che la cultura musicale di tradizione orale conferma e ribadisce: i valori tradizionali trasmettendosi nel tempo si rinnovano, ma anche consolidano un senso di appartenenza che sempre di più contribuisce ad identificare dal punto di vista sociale un popolo, confrontandosi con realtà culturali differenti e permettendo così una crescita comune.

Grazie al contributo di Regione LiguriaAutogas Nord e degli altri Enti sopra menzionati si è potuta realizzare la prima edizione di un Festival di cui si sentiva forte esigenza, rilevata dalle numerose richieste durante i concerti negli anni scorsi e successivamente dai riscontri entusiastici ricevuti durante il Festival stesso.


Rassegna Stampa


Gallery